CASSAZIONE: “SMS EROTICI SONO UN SOPRUSO”

10818.jpg

Cassazione:”Ledono quiete destinatario”. L’invio di sms ripetitivi e a “contenuto erotico” è da ritenersi un reato, se infastidiscono il destinatario. Lo ha stabilito la Cassazione, che ha respinto il ricorso di un 20enne. Il giovane perseguitava una ragazza con numerosi messaggi. Chi riceve gli sms sul cellulare è vittima di un sopruso, secondo i giudici, visto che è costretto a leggerli per individuare il mittente con “turbamento della quiete e della sua tranquillità psichica”. Nell’ottobre 2007, il tribunale di Taranto aveva condannato un 20enne, che aveva spedito messaggi a una ragazza con frasi che gli stessi giudici avevano ritenuto di evidente “volgarità e offensività”. Al tentativo di ricorso della difesa, gli “ermlellini” hanno risposto confermando la conferma di condanna perché “l’invio di sms che recano disturbo del destinatario, non essendo assimilabile a l’invio di messaggio di tipo epistolare” integra la molestia in quanto il destinatario “è costretto a percepirli, con corrispondente turbamento della quiete e della tranquillità psichica, prima di poter individuare il mittente, il quale così realizza l’obiettivo di arrecare disturbo al destinatario”.

7sms.jpgbarzelletta_sms.jpg16021.jpg

 

CASSAZIONE: “SMS EROTICI SONO UN SOPRUSO”ultima modifica: 2009-04-11T04:58:14+00:00da worldeditor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento